26/28 SETTEMBRE 2019

ROMA, Salone Mondiale del Turismo

Città e Siti Unesco

Il tartufo patrimonio dell’Unesco

29 ottobre 2018

La firma è quella di Alessandra Zambonelli, docente al Dipartimento di scienze e tecnologie agroalimentari dell’università di Bologna. Ha avanzato la richiesta ufficiale all’Unesco affinché riconosca il tartufo come proprio patrimonio. Spiega: «Sì, è un patrimonio naturale da salvaguardare, l’unico prodotto dei campi che rimane non coltivabile». In attesa di una risposta è partita la nuova stagione (si conclude generalmente a fine anno). «Il clima caldo-umido degli scorsi mesi», dice Luigi Dattilo, fondatore di Appennino Food Group, 46 dipendenti, tra le prime tre imprese in Italia nella lavorazione e commercializzazione del tubero, «ha permesso al tartufo di raggiungere un livello di maturazione interessante, sarà un’annata abbondante». Qual è la quotazione attuale del prezioso prodotto? «Attorno ai 3-4 mila euro al chilo a seconda delle dimensioni». A sostenere la candidatura Unesco vi sono anche i cinesi poiché il tartufo è il secondo bene di lusso più richiesto e dall’Italia lo spediscono via aereo. Adesso, col web, si organizzano anche aste mondiali per i pezzi più consistenti. «Il tartufo è un tesoro sotterraneo», aggiunge Giorgia Pizzighini Benelli, che dirige Galleria Cavour, a Bologna, che ha ospitato il lancio della candidatura Unesco. «Solo alcuni territori in Italia hanno la vocazione a questo fungo che vive in simbiosi con le radici di alcune piante, se l’equilibrio del terreno è perfetto». La documentazione è partita alla volta di Parigi. Il tartufo potrebbe diventare il 54esimo patrimonio Unesco in Italia.

Per continuare ad usare questo sito, l'utente accetta l'uso dei cookies. Più informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi